E ora Nogarin mette il porto in fibrillazione

LIVORNO – Potrebbe venire dalla sospirata vendita della parte immobiliare del Faldo, l’autoporto di Collesalvetti, la bocca d’ossigeno che la Compagnia portuali livornese aspetta da tempo per risanare una parte importante del suo bilancio e rilanciarsi su nuove operazioni in joint con i privati: prima di tutto la partecipazione alla privatizzazione della “Porto 2000”.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*