Vent’anni di sub della Guardia costiera

Una storia di imprese importanti e di grandi risultati – Il salvataggio dei cetacei e la lotta all’inquinamento

ROMA – Salvaguardia della vita umana in mare, ma anche difesa dell’ambiente e dell’ecosistema marino e tutela delle risorse ittiche e dei beni archeologici sommersi. Questi in sintesi i principali compiti a cui sono chiamati ogni giorno i sub della Guardia costiera, che quest’anno raggiungono l’importante traguardo dei vent’anni di attività. A partire dal 1995, quando a San Benedetto del Tronto veniva istituito il primo nucleo Sub della Guardia costiera, i sommozzatori del Corpo hanno operato in diversi e delicati contesti. Tra i più noti ricordiamo l’evento della Costa Concordia, con i sub della Guardia costiera impegnati nella difficile ricerca dei naufraghi, nel monitoraggio anti-inquinamento e nella messa in sicurezza del relitto, oltre alle attività di soccorso ai migranti nel Canale di Sicilia.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*