Noli Teu di nuovo su

OSLO – Dopo un raro calo delle tariffe di trasporto marittimo contrattate a lungo termine a dicembre e gennaio, i costi di spedizione dei container stanno aumentando ancora una volta, con un aumento del 3,9% a febbraio.

Lo sviluppo, rivelato negli ultimi indici pubblici Xeneta Shipping Index (XSI®), significa che le tariffe sono aumentate in questi ultimi  mesi. Attualmente sono in aumento dell’87,9% su base annua. Inoltre, osserva Xeneta, è improbabile che la congestione in corso, l’elevata domanda e un nuovo livello di angoscia geopolitica invertano questa tendenza in tempi brevi.

È un momento preoccupante per i caricatori”, afferma Patrik Berglund, ceo di Xeneta, che compila l’esclusivo XSI® tramite il crowdsourcing dei dati sulle tariffe globali.

La domanda rimane elevata e la capacità è al massimo. La congestione che continuiamo a vedere, in particolare nei porti statunitensi, ne è un segno, con attese di circa 35 giorni a Long Beach e 25 giorni a Los Angeles.
I vettori che cercano di dispiegare tonnellaggio sulla costa orientale per evitare ciò stanno semplicemente trasferendo il problema, con recenti segnalazioni di 31 navi in ​​attesa di attraccare a Charleston
”.

E naturalmente, lontano dagli Stati Uniti, esiste la situazione angosciante in Ucraina. Le preoccupazioni geopolitiche più ampie di questo sono una cosa, l’impatto immediato sui prezzi dell’energia un’altra.
I costi del greggio sono ovviamente aumentati vertiginosamente e la comunità dei vettori, senza dubbio, cercherà di trasmetterli ai clienti per proteggere i propri profitti. Quindi, oltre ai costi di trasporto già astronomici, i caricatori possono aspettarsi di vedere i fattori di aggiustamento del bunker (BAF) che portano a nuovi supplementi, esacerbando il loro dolore”
.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*