E i costieri fanno il pieno del greggio

LIVORNO – Da un certo punto di vista è un segnale confortante:

dopo anni di “stanca”, vediamo davanti ai nostri porti un via-vai di petroliere che è diventato quasi giornaliero.

L’Avvisatore del porto labronico nelle ultime settimane ha registrato una decina di petroliere, provenienti dai paesi più diversi e non più dal porto russo di Novorossiysk sul Mar Nero che in precedenza era il primo fornitore.

Arriva:

  • sia crudo (con la “Panarea” di Algeciras)
  • sia greggio pre-trattato (con la maltese “Parthenon.Ts”) che ha letteralmente fatto un lungo giro nei porti italiani, sbarcando greggio cercato in Scozia – dove la produzione dalle piattaforme sul mare è in forte aumento – in quantitativi distribuiti per ciascuno dei porti intorno a 25 mila tonnellate (in Italia ha sbarcato Taranto, Genova e Livorno).
  • Analogamente in Adriatico arrivano navi dall’Egitto e dalla Libia, dove è ripresa l’estrazione.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*