I docenti di UniSalento all’Huaiyin Institute (Cina)

Nella foto: Un brindisi con il presidente del HIT, Sun Aiwu.

LECCE – I direttori dei Dipartimenti di Storia Società e Studi sull’Uomo Fabio Pollice e di Ingegneria dell’Innovazione Giuseppe Grassi si sono recati nei giorni scorsi in missione in Cina in rappresentanza dell’Università del Salento per partecipare alle celebrazioni del 60mo anniversario del Huaiyin Institute of Technology, con sede a Huai’an nella provincia dello Jiangsu. L’invito era stato formalizzato lo scorso luglio, quando su iniziativa dello stesso professor Pollice era stato siglato a Lecce un protocollo d’intesa con l’Istituto cinese.

I docenti hanno avuto modo di conoscere le delegazioni di altri Atenei europei e asiatici presenti per le celebrazioni e partecipare a un convegno sulla valorizzazione dei talenti. In quest’ultimo contesto, il professor Pollice è intervenuto con una relazione che, riassumendo l’esperienza UniSalento sul tema, si è concentrata sulla questione del talent drain: “Si tratta del processo che porta taluni territori più marginali e, di conseguenza, le Università che vi afferiscono”, spiega Pollice, “a perdere le migliori risorse intellettuali a causa della competizione con le core areas e gli Atenei che vi operano. Un tema molto sentito qui nel Mezzogiorno ma, dal riscontro che si è avuto al termine del convegno, avvertito anche in altre nazioni che mostrano gli stessi divari regionali”.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*