Assoporti e la corsa al dopo Nerli

ROMA – Nessuno tocchi le Autorità portuali: è l’immediata replica di Luciano Guerrieri alla Spediporto. Viene in mente: chi tocca muore, oppure nessuno tocchi Caino. E Guerrieri, come scriviamo accanto, non è solo il presidente dell’Authority di Piombino ma anche il vicepresidente di Assoporti, cioè l’organo associativo di tutte quelle italiane.


Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*