Dal piano industriale delle ferrovie 62 miliardi anche per le reti cargo

Finanziato il terzo valico e un forte impegno anche per il sud – La velocizzazione della direttrice adriatica e i raccordi con le reti TEN-T europee – Lo “scavalco” di Livorno

ROMA – Ferrovie, finalmente l’Italia scopre l’importanza del cargo su ferro anche e specialmente per razionalizzare il servizio dai porti e dagli interporti. Il piano industriale 2017-2026 presentato dalle Ferrovie di Stato italiane prevede investimenti di 62 miliardi di euro, di cui 33 per la rete “convenzionale”, 24 miliardi per la rete Alta velocità/alta capacità connessa ai corridoi europei TEN-T e altri 5 miliardi in tecnologie che modernizzino sia il trasporto passeggeri che merci.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*