Authorities spendaccione? Assoporti non è d’accordo

Pasqualino Monti contesta il giudizio negativo ma richiama alla urgenza della riforma della governance – Critici Assiterminal e Federagenti: troppi aumenti delle tasse portuali

Pasqualino Monti

ROMA – Il siluro è partito, e la difesa tentata da Assoporti non sembra aver convinto molti: tanto che il sistema delle Autorità portuali italiane sembra colpito sulla linea di galleggiamento, con notevoli danni collaterali anche sulla credibilità. E’ quanto emerge dal confronto sulle spese delle Autorità portuali italiane tra il 2006 e il 2013 (ultimi dati disponibili), un’analisi che il giornale della Confindustria ha titolato brutalmente: “Spese fuori controllo”.
A fronte di una flessione delle merci movimentate nel periodo in esame dell’8,1% – sostiene l’indagine – i canoni di concessione e i costi delle autorizzazioni sono aumentati del 31,4% e le uscite correnti delle Autorità portuali del 42,8%. Durissimo il primo commento del presidente di Assiterminal Marco Conforti riportato da “Il Sole-24 Ore”: l’aumento dei canoni demaniali rende sempre meno competitiva l’offerta dei terminalisti italiani. E Michele Pappalardo, presidente di Federagenti ci ha aggiunto il suo carico da novanta: “Il sistema non funziona e si sta incancrenendo, con aumenti delle tasse in tempi di crisi dovuti a un’assoluta mancanza di programmazione e di conoscenza del mercato a livello centrale”. Tradotto: gli aumenti delle tasse portuali sono anche colpa dello Stato che autorizza incrementi fuori da ogni logica di mercato.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*