Tariffe rimorchio il “caso” Venezia

Si alla riduzione per le portacontainers, riserve sull’aumento per le navi da carico

Paolo Costa

VENEZIA – Dunque la Capitaneria di Porto di Venezia ha emesso due nuove ordinanze la n. 41/2010, che regolamenta il servizio di rimorchio per alcune specifiche categorie di navi, e la n. 38/2010, relativa alle nuove tariffe per il biennio 2010-2011.

In merito alla prima ordinanza l’Autorità Portuale ha sottolineato che a partire dal 1º maggio 2010 – grazie all’accessibilità nautica raggiunta con l’attività di escavo dei canali – alcune navi con particolari caratteristiche di manovrabilità e che avranno effettuato tre toccate con l’uso del rimorchiatore senza che siano insorti problemi, potranno ottenere un’esenzione all’uso del rimorchiatore.

Questa misura renderà maggiormente conveniente per le compagnie di navigazione scegliere il porto di Venezia come scalo di riferimento in quanto l’applicazione dell’Ordinanza ha delle importanti ricadute sul costo finale sostenuto dall’utenza. Il prezzo infatti si riduce del 30% rispetto alla tariffa base.

In particolare sono interessate le navi portacontainer che potranno essere esentate completamente dal servizio di rimorchio se non superiori a 4.000 tonnellate di stazza (o 105 mt lunghezza fuori tutto) dirette a determinati ormeggi specificati nell’ordinanza, mentre potranno essere esentate dal servizio di trasferimento quelle fino a 35.000 tonnellate di stazza, dotate di elica di prua di adeguata potenza. Beneficeranno dell’esenzione completa anche le navi Ro-Ro e Ro-Ro Pax (traghetti merci e passeggeri) non superiori a 40.000 tonnellate di stazza, dotate di doppia elica ed elica di prua di adeguata potenza.

La seconda ordinanza invece (n. 38/2010) produce un aumento medio delle tariffe per le navi da carico del 2,5% (inferiore comunque all’11,04% richiesto inizialmente dal concessionario). Su questa nuova norma l’Autorità Portuale ha espresso alcune riserve.

Per questo motivo per un periodo di 4 mesi (01.05.2010-31.08.2010) si procederà ad una tariffazione virtuale simulata sulla base del modello proposto dall’Autorità Portuale di Venezia che prevede un calcolo delle tariffe legato al costo effettivo per il servizio reso, al fine di valutare gli effetti dell’eventuale applicazione del modello.

Al termine del periodo di prova (metà settembre) verrà convocata una conferenza dei servizi per comparare i due sistemi tariffari ed eventualmente emettere una nuova ordinanza sulle tariffe del servizio che recepisca la proposta di APV.

I tavoli tecnici con la Capitaneria di Porto continueranno quindi anche nelle prossime settimane per poter revisionare il regolamento relativo al servizio di rimorchio da approvare entro luglio 2010. L’Autorità Portuale invita o destinatari del servizio a fornire ogni suggerimento che possa garantire un porto sempre più sicuro ed efficiente.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*