Diga a Sampierdarena intervento “epocale”

Fa parte del piano regolatore che sarà presentato ad inizio dell’anno nuovo – Un 2014 molto positivo

Nella foto: ammiraglio Vincenzo Melone, comandante porto di Genova, Giuliano Doria, direttore Museo civico di Storia Naturale Giacomo Doria, Gian Enzo Duci, presidente Assagenti, Luigi Merlo, presidente Autorità portuale di Genova.

GENOVA – «Si respira un clima di reciproca collaborazione, un aspetto fondamentale per il porto perché si riflette nei confronti dell’intero cluster marittimo»: così l’ammiraglio Vincenzo Melone, comandante del porto di Genova, ha aperto il tradizionale brindisi di Natale dell’Associazione Agenti Marittimi di Genova che si è tenuto di recente al Museo civico di storia naturale Giacomo Doria.
La comunità portuale si è riunita come tradizione in uno dei musei della città per scambiarsi gli auguri e fare il bilancio dell’anno che sta per finire e di quello che il 2015 ha in serbo. «È stato un anno positivo – commenta Luigi Merlo, presidente dell’Autorità portuale di Genova – tenuto conto di come va il Paese. A Genova c’è un gioco di squadra importante e a Roma dovrebbero avere la capacità di capire che ciò che funziona va salvato». Un riferimento chiaro all’Autorità marittima, «che non deve subire il rischio di penalizzazione» e al corpo dei Piloti, «una categoria che, se vogliamo fare arrivare le navi da 16 mila teu a Genova, dobbiamo ascoltare quando chiede una salvaguardia ai limiti di responsabilità».
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*