Seatrag, pace fatta

Matteo Paroli

LIVORNO – Pace fatta tra i lavoratori e la società Seatrag. Dopo i contrasti emersi nei mesi precedenti sul mancato rinnovo del contratto integrativo e dopo la proclamazione dello stato di agitazione, sospeso la settimana scorsa su richiesta della autorità portuale per lasciare spazio alle trattative, le parti hanno trovato l’intesa su indennità, orari e turni di lavoro.

L’accordo, che ha portato alla revoca dell’ipotesi di sciopero e del blocco degli straordinari, è stato raggiunto nella sede dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, sotto la regia del segretario generale dell’Ente, Matteo Paroli, che assieme al dirigente responsabile, Fabrizio Marilli e al suo staff, si è reso disponibile, su richiesta della società, nel ruolo di mediatore istituzionale, a tutela del regolare e ordinato funzionamento del lavoro in porto.

Con l’accordo, i lavoratori dell’impresa portuale specializzata nella movimentazione dei traffici ro/ro, si vedono riconoscere alcune significative indennità di flessibilità. Inoltre, vengono introdotti alcuni meccanismi di garanzia sulle modalità di svolgimento dei turni: a rotazione, ai lavoratori polivalenti (che svolgono più attività oltre a quella del rallista) viene riconosciuta la possibilità di non lavorare di notte per una settimana al mese mentre a tutti gli altri viene riconosciuto, periodicamente, il diritto di apprendere con congruo preavviso quali turni effettueranno durante la settimana. Rientrano nel pacchetto dell’intesa anche i buoni pasto, precedentemente non riconosciuti dall’azienda.

“È motivo di orgoglio e obiettiva gratificazione per il lavoro dei nostri Uffici registrare un altro importante risultato sulla via della pacificazione delle tensioni in porto” ha affermato Paroli. “L’efficienza di un porto si fonda anche sui corretti rapporti tra sindacato e azienda, e il clima di costruttiva collaborazione tra questi contribuisce sempre all’ottenimento  di risultati che vanno a vantaggio dello sviluppo dei traffici e della intera comunità portuale”.

Anche il direttore generale di Seatrag, Massimiliano Ercoli, ha commentato positivamente l’esito del confronto: “Ringrazio l’AdSP per aver dato un pronto riscontro alla nostra richiesta” ha detto. “Un grazie anche all’Associazione di Assimprese che, nella persona di Federico Barbera, ci ha supportati in questa delicata trattativa andata poi a buon fine. Fondamentale, infine, è stato l’apporto del nostro consulente del lavoro, Mauro Marrucci, che ci aiutati nella buona riuscita della mediazione diretta alla conciliazione della controversia”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*