I tanti nodi della Riforma

Nella foto: Rodolfo Giampieri

ROMA – Riformare la Riforma della Riforma portuale: sembrerebbe che il lungo iter si stesse concludendo e sia il ministro dei trasporti Salvini sia il viceministro per la portuali Rixi ne parlano ormai quasi tutti i giorni. 

Però: a conferma che niente può essere scontato, ecco che in particolare Rixi insiste sul fatto che la riforma richiede anche di riformare sostanzialmente le AdSP, comprese le competenze oggi distribuite anche tra altre istituzioni; e inoltre di prendere in considerazione e un eventuale ingresso nei Comitati di Gestione (riformati) anche dei grandi gruppi terminasti e armatoriali. In pratica, le AdSP gestite anche dagli investitori sui porti, un po’ sul modello spagnolo. Una ipotesi che trova sostenitori ma anche critici senza eccezioni: 👉👉 come di recente ha scritto su queste colonne (21 ottobre) l’esperto VSL Club Spa Fabrizio Vettosi, riportando anche il parere di un collega spagnolo sulle criticità del sistema.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*