Fattore umano per proteggere i mari

Nello Musumeci

LIVORNO – Da La Spezia ai porti dell’Adriatico, ministri e sottosegretari si sono impegnati, in questi giorni, sul programma “De Portibus” che intende mettere un punto fermo sulla politica attuate nei confronti della logistica, marittima e non. Con spunti spesso interessati, anche se prevale al momento l’incertezza sia dei ruoli che delle competenze.

Tra i tanti temi, quelli svolti a Livorno in occasione dell’intervento del ministro dell’ambiente e della protezione del mare Nello Musumeci nel quadro dei “De Portibus” dell’AdSP del Nord Tirreno. Moderatore del dibattito l’avvocato Luca Brandimarte di Assarmatori, che ci ha fornito la seguente sintesi del dibattito, svolto all’Hotel Palazzo.

Luca Brandimarte

L’armamento è alle prese – ricorda Brandimarte – con una carenza di personale marittimo che ha assunto connotati emergenziali, in particolare durante la stagione estiva quando aumenta esponenzialmente il numero di persone trasportate fra il continente e le isole. Nello scorso novembre, un Decreto Interministeriale, di concerto fra MIT e MEF, ha stanziato importanti risorse economiche per la formazione di nuove professionalità da parte delle compagnie che, singolarmente o insieme alle associazioni di categoria, hanno organizzato incontri con gli studenti e con chi è in cerca di lavoro. La presenza di personale adeguatamente formato a bordo delle navi, oltre ad essere chiaramente indispensabile ai fini della navigazione e al rispetto delle tabelle di armamento, è elemento fondamentale anche per il rilancio della marittimità italiana e per lo sviluppo del mercato del lavoro.

Luca Sisto

Brandimarte a Musumeci: In questo contesto ho notato che il Piano del Mare ha messo al centro il lavoro marittimo nelle sue varie sfaccettature.
Posto che il mercato si aspetta molto dal Piano del Mare, possiamo contare sul suo impegno Ministro?

Luca Sisto: Come si sono mosse le compagnie di navigazione? Per risolvere il problema della carenza dei marittimi è senz’altro necessario conoscere tutti gli addendi. A che punto siamo su questo?

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*