Parte l’Authority della Toscana per i quattro porti regionali

Un progetto complesso che riguarda Viareggio, Marina di Campo, Porto Santo Stefano e il Giglio – Nessuna interferenza con le competenze dei comuni – Il rapporto con gli scali dello Stato

Luca Ceccobao

FIRENZE – La prima a partire sembra proprio essere la Regione Toscana. Che dopo aver lanciato un “documento preliminare di proposta di legge” per la prima Authority Portuale regionale, ha cominciato uno screening di settore con le categorie dei porti interessati. E nei giorni scorsi l’assessore alle Infrastrutture Luca Ceccobao ha presieduto un incontro di concertazione sulla proposta con i sindacati regionali, primo passo per una più allargata analisi. Esito dell’incontro: le categorie economiche la Cgil e la Cisl hanno apprezzato temi e prospettive, mentre la Uil s’è detta d’accordo sul tema di fondo ma ha evidenziato alcune criticità di metodo. Se ne riparlerà.

Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*