Categorie CE, quale mare affrontano

Nella foto: Una situazione a rischio.

ROMA – Fa parte delle prescrizioni del Codice della Nautica da diporto, ma come scrive sul suo sito “Barche a motore” non è male di questi tempi fare un ripasso, perché l’anomala situazione di alte pressioni e mare piatto potrebbe aver presto fine.

Le categorie di progettazione marcate CE sono quattro e si riferiscono alle condizioni meteo accettate. Questo significa che se qualcuno si trova nei guai per navigare in condizioni meteo più gravi di quanto annesso, viene ritenuto responsabile di eventuali sinistri a sé ed altri.

Ecco le categorie:

A: tutte le imbarcazioni che sono state progettate per resistere a venti superiori a forza 8 (secondo la scala Beaufort) e ad un’altezza d’onda superiore a 4 metri (con esclusione di circostanze estreme quali tempeste, uragani, onde anomale);

B: tutte le imbarcazioni che sono state progettate per resistere a venti di forza 8 e ad un’altezza d’onda fino a 4 metri;

C: tutte le imbarcazioni che sono state progettate per resistere a venti di forza 6 e ad un’altezza d’onda fino a 2 metri;

D: tutte le imbarcazioni che sono state progettate per resistere a venti di forza 4 e ad un’altezza d’onda fino a 0,3 metri.

Le imbarcazioni che invece non sono in possesso di Marcatura CE fronteggiano limiti differenti, e possono navigare, in base all’abilitazione, senza limiti dalla costa, o fino a 6 miglia dalla costa e senza limiti nelle acque interne. Non c’è dunque alcun riferimento diretto meteo, ma non vuol dire che non si debba tenerne conto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*