Porto Mediceo, sul “Marina” si accelera o no?

Si attende l’ok del Comune al piano dei servizi a terra nel waterfront ma il sindaco rimane scettico – E non c’è ancora la soluzione per le barche da spostare alla 75 (o forse anche davanti alla Capitaneria)

Vincenzo Poerio

LIVORNO – C’è un pezzo importante di porto che aspetta ormai da decenni una sistemazione definitiva: è il mediceo, dove alla fine di una lunga, faticosa e a volte kafkiana procedura, l’Autorità portuale ha dato attuazione agli accordi di Roma per il salvataggio dell’allora cantiere navale Orlando, assegnando alla società del gruppo Azimut/Benetti la concessione per un moderno “marina”. In un paese normale, l’assegnazione avrebbe significato il via ai lavori, che naturalmente saranno complessi e non rapidissimi. Ma a Livorno, malgrado gli accordi di Roma fossero firmati addirittura da un presidente della Repubblica, hanno fatto il cammino del gambero, per anni e anni.
Per leggere l'articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*